DIE MACHEN LANGE BEINE

Tun Sie es den internationalen Modeprofis gleich und verlängern Sie Ihre Beine optisch auf Model-Länge – mit 15 klugen Styling-Tricks

Evangelios curetonianos

admin, · Kategorien: Allgemein · Schlagwörter: , , ,

Los Evangelios curetonianos, designados por las siglas syrcur, están agrupados en un manuscrito de los cuatro Evangelios del Nuevo Testamento en siríaco antiguo, una traducción de los originales al arameo, según William Cureton​ difieren considerablemente de los textos griegos canónicos, con los cuales habían sido comparados y corregidos“; Henry Harmon concluyó hydration belt, sin embargo, que sus originales habían sido los griegos desde el principio.​ El orden de los Evangelios es Mateo, Marcos fabric shaver india, Juan y Lucas. El texto es uno de los únicos dos manuscritos siríacos de los diferentes evangelios que posiblemente anteceden a la versión siríaco estándar, la Peshitta; el otro es el Palimpsesto sinaítico. Un cuarto texto siríaco es el armonizado Diatessaron. Los Evangelios curetonianos y el Palimpsesto sinaítico parecen haber sido traducidos de los originales griegos independientes.

El texto siríaco del códice es una representación del texto occidental. En las variantes significantes de las lecturas se incluyen:

El manuscrito adquiere su curioso nombre por ser editado y publicado por William Cureton en 1858. El manuscrito estuvo entre una masa de manuscritos traídos en 1842 de un monasterio siríaco en el Wadi Natroun, Bajo Egipto, como el resultado de una serie de negociaciones que había estado en marcha desde hace algún tiempo; se guarda en la Biblioteca Británica. Cureton reconoció que el texto siríaco antiguo de los evangelios fue significantemente diferente de todos los conocidos en ese momento. El fechó los fragmentos del manuscrito al siglo V; el texto, que podría ser tan antiguo como del siglo II stainless steel toddler water bottle, está escrito en la forma más antigua y clásica del alfabeto siríaco, llamada Esṭrangelā, sin puntos vocales.​

En 1872 William Wright,de la Universidad de Cambridge, privadamente imprimió cerca de un centenar de copias de fragmentos adicionales, Fragmentos de los Evangelios curetonianos, (Londres, 1872) sin traducción o aparato crítico. Los fragmentos, enlazados como guardas en un códice siríaco en Berlín, una vez formaron parte de los manuscritos curetonianos, y completaron algunos de sus lagunas.​

La publicación de los Evangelios curetonianos y el Palimpsesto sinaítico permitió a los eruditos por primera vez examinar como cambió el texto en siríaco entre el primer período (representado por el texto del Sinaí y los manuscritos curetonianos) y el siguiente período. Las versiones siríacas del Nuevo Testamento siguen siendo menos estudiasas que las griegas.

El texto estándar es el de Francis Crawford Burkitt, 1904;​ fue utilizado en la edición comparativa de los evangelios siríacos que fueron editados por George Anton Kiraz mens football shirts, en 1996.​

90-04-10419-4 .

Guaíra Falls

admin, · Kategorien: Allgemein · Schlagwörter: , ,

Guairá Falls (Spanish: Saltos del Guairá, Portuguese: Salto das Sete Quedas do Guaíra) were a series of immense waterfalls on the Paraná River along the border between Brazil and Paraguay. The falls no longer exist, inundated in 1982 by the impoundment of the Itaipu Dam reservoir. While published figures vary, ranging from 13,000 m3 (470,000 cu ft) per second to 50,000 m3 (1,750,000 cu ft) per second, Guaíra’s flow rate was among the greatest of any then-existing falls on Earth.

The falls comprised 18 cataracts clustered in seven groups—hence their Portuguese name, Sete Quedas (Seven Falls)—near the Brazilian municipality of Guaíra, Paraná and Salto de Guairá, the easternmost city in Paraguay. The falls were located at a point where the Paraná River was forced through a narrow gorge. At the head of the falls, the river narrowed sharply from a width of about 380 m (1,250&nbsp running water pouch;ft) to 60 m (200 ft). The total height of the falls was approximately 114 m (375 ft), while the largest individual cataract was 40 m (130 ft) high. The roar of the plunging water could be heard from 30 km (20 mi) away.

A tourist attraction and a favorite of locals, the falls were completely submerged under the artificial lake created by the Itaipu Dam, linchpin of the world’s largest hydroelectric project to date upon its completion in 1982. The building of the dam, authorized by a 1973 bilateral agreement between the Brazilian and Paraguayan regimes of the time, marked a new era of cooperation between the countries, both of which had claimed ownership of Guaíra Falls as its own.

As construction of the Itaipu Dam progressed, thousands of visitors flocked to the area to see the falls before they disappeared forever design a football uniform online. Disaster struck on January 17, 1982, when a suspended footbridge affording access to a particularly spectacular view of the falls collapsed, killing dozens of tourists.

Brazilian poet Carlos Drummond de Andrade wrote a poem expressing his dismay at the destruction of Guaíra Falls. Set in large type fabric shaver india, the poem filled an entire page in the Jornal do Brasil newspaper:

Here seven visions, seven liquid sculptures
vanished through the computerized calculations
of a country ceasing to be human
in order to become a chilly corporation, nothing more.
A movement becomes a dam.
—Carlos Drummond de Andrade, „Farewell to Seven Falls“ (excerpt, translated from the Portuguese)

Earlier, as the waters began to rise, a demonstration took place, as hundreds of people gathered to participate in a guarup, an indigenous ritual in memory of the falls. The inundation took only 14 days, occurring during the rainy season when the level of the Paraná River was high. By October 27, 1982, the reservoir was fully formed and the falls had vanished. The Brazilian government later dynamited the submerged rock face of the falls, to promote safer navigation on the river.

The director of the company that built the dam was quoted as saying, „We’re not destroying Seven Falls. We’re just going to transfer it to Itaipu Dam, whose spillway will be a substitute for [the falls‘] beauty“.

Palazzo Coronini Cronberg

admin, · Kategorien: Allgemein · Schlagwörter: , , ,

Palazzo Coronini Cronberg è una dimora storica situata a Gorizia in viale XX Settembre 14.

Dal 1990 è la sede della Fondazione Palazzo Coronini Cronberg, ente morale nato dalla volontà testamentaria dell’ultimo conte Guglielmo Coronini Cronberg, con lo scopo di rendere accessibile a tutti il suo immenso patrimonio, a cominciare proprio dal palazzo di famiglia trasformato in un museo aperto al pubblico.

Nonostante l’assenza di un riferimento documentale che ne indichi la data esatta della costruzione, possiamo collocare i tempi della sua edificazione nell’ultimo decennio del XVI secolo, tra il 1593 e il 1598 clothes shaver reviews. Committente dell’opera fu Carlo Zengraf, segretario degli Stati Provinciali per conto della Casa d’Austria. La residenza che egli si fece costruire presso Gorizia rappresentava bene il suo ruolo di proprietario fondiario investito di poteri pubblici. Allora il palazzo doveva essere ben visibile da ogni parte. Il blocco squadrato era munito di due avancorpi ai lati della facciata, aperta su un pendio coperto da prati e vigneti. L’edificio fabric shaver india, circondato da alte mura, riprendeva i registri austeri di una casa forte, con poche concessioni al superfluo. I lavori di restauro, terminati nel 2006, hanno evidenziato che il palazzo fu probabilmente sovrapposto ad una preesistente struttura a torre, costruita in quel luogo per controllare la zona nord della città.

Si può far risalire la paternità del progetto a Giulio Baldigara presente a Gorizia alla fine del XVI secolo, dove rivestiva la carica di architetto arciducale. La morte di Carlo Zengraf e le difficotà economiche della famiglia furono le cause che costrinsero gli eredi a vendere il palazzo. Gli acquirenti, i friulani conti Strassoldo, modificarono ed ingentilirono la struttura della casa forte secondo gli stilemi della casa dominicale.

Nel 1643 fecero erigere la cappella gentilizia dedicata a Sant’Anna, collegata al palazzo tramite un doppio loggiato. Ai conti Strassoldo si deve anche la costruzione delle scuderie patrick football socks, avvenuta tra il XVII e il XVIII secolo, oggi sede di sale per conferenze e mostre temporanee, due manufatti ad uso agricolo e di abitazione per i coloni e la cancellaria adiacente alla cappella in cui hanno oggi sede gli uffici della Fondazione. A causa delle ristrettezze economiche e dei danni provocati dalle guerre napoleoniche la famiglia Strassoldo dovette cedere la residenza mettendola all’incanto. Il 7 ottobre 1820 tutte le proprietà immobiliari e i diritti giurisdizionali legati al nome Grafenberg furono acquistati dal conte Michele Coronini Cronberg (1793-1876).

Il conte Michele Coronini Cronberg a partire dal 1833, sottopose l’edificio a massicci interventi di ristrutturazione. Al fine di ampliare gli spazi fu costruita, in aderenza a uno degli avancorpi, un’ala di circa venti metri: i primi due livelli furono destinati alla residenza mentre il terzo fu in gran parte occupato dalla ricca biblioteca di famiglia.

I lavori erano da poco terminati quanto, nell’ottobre del 1836, l’ultimo re di Francia, Carlo X di Borbone, all’epoca in esilio in una cittadina nei pressi di Praga, decise di trasferirsi con la sua corte a Gorizia, prendendo residenza proprio a Palazzo Coronini, mentre parte del suo seguito si stabiliva nel palazzo Strassoldo in piazza Sant’Antonio (oggi Grand Hotel Entourage).

Il soggiorno del sovrano fu breve e sfortunato perché circa un mese dopo il suo arrivo Carlo X contrasse il colera e morì. La sua salma fu seppellita nella chiesa dell’Annunciazione di Nostra Signora, nel monastero di Castagnevizza diretto dai francescani, oggi a Nova Gorica, in Slovenia.

All’inizio del Novecento la gestione dei beni passò progressivamente dalle mani del conte Alfredo (1846-1920), nipote di Michele, al figlio Carlo (1870-1944) che dovette assumersi, dopo il 1918, tutto l’onere della ricostruzione delle proprietà pesantemente danneggiate durante gli eventi bellici del primo conflitto mondiale. Nel 1915, per sfuggire alle devastazioni, Carlo Coronini con la moglie Olga Westphalen von Fürstenberg (1868-1958) ed i loro tre figli Nicoletta (1896-1984), Francesco Giuseppe (1899-1964) e Guglielmo (1905-1990), avevano trovato riparo nel castello di Wöllan (oggi Velenje, in Slovenia) di proprietà dei parenti Adamovich; suo padre Alfredo e sua madre Carolina Ritter de Zàhony (1850-1928), invece, erano fuggiti a Salisburgo. Al termine del conflitto il palazzo risultava colpito ripetutamente da proiettili d’artiglieria. I lavori di recupero presero il via subito dopo la fine della guerra e interessarono dapprima il complesso principale e poi le altre strutture, tanto che i lavori di ricostruzione del palazzo, della cappella e della loggia, iniziati il 27 maggio 1919, si conclusero negli ultimi mesi del 1923. In questo periodo fu sancita anche la valenza storica del palazzo, sottoposto il 6 novembre 1922 a vincolo diretto di tutela dell’allora Ministero della pubblica istruzione.

Negli anni tra le due guerre il palazzo fu dato in affitto good meat tenderizer, divenendo sede di un comando dell’esercito italiano, al quale, dopo l’8 settembre 1943, subentrarono le truppe tedesche che avevano occupato Gorizia. Risalgono a questo periodo alcuni importati interventi nel parco: la costruzione della piscina sul retro del palazzo e la collocazione all’ingresso del parco di un portale in pietra proveniente dalla distrutta villa Attems di Piedimonte del Calvario. Divenuto in seguito sede di un comando partigiano jugoslavo e poi delle truppe alleate, solo all’inizio degli anni Cinquanta il palazzo fu restituito ai Coronini che vi si stabilirono definitivamente. Fu a partire da questo momento che il conte Guglielmo, con il sostegno della sorella Nicoletta, iniziò a progettare per la residenza di famiglia una destinazione museale, che prese forma, come era nelle sue volontà, dopo la sua morte, avvenuta a Vienna il 13 settembre 1990.

Puma Fußballschuhe Steckdose | Kelme Outlet

MCM Rucksack | Kelme | maje dresses outlet| maje dresses for sale

kelme paul frank outlet new balance outlet bogner outlet le coq sportif outlet schlanke straffe Beine Overknee-Stiefeln